Introduzione

[Voti: 7 Media: 5]

Le mappe dei flussi sono un efficace metodo di rappresentazione delle relazioni spaziale di molti fenomeni socio-economici. In questa breve guida realizziamo in QGIS una mappa delle linee di desiderio, ossia una rappresentazione spaziale della distribuzione della domanda di mobilità.

Movimenti migratori, flussi delle merci, distribuzione energetiche, distribuzione della domanda di trasporto sono alcuni esempi dei tanti fenomeni socio-economici per i quali una adeguata rappresentazione grafica richiede un metodo che metta in evidenza le relazioni spaziali tra le origini e le destinazioni delle attività. Nel settore dei trasporti, ad esempio, la domanda di mobilità, la cui analisi procede dalla definizione della matrice degli spostamenti origine-destinazione, viene solitamente rappresentata mediante linee di desiderio, cioè “linee astratte che indicano la distanza in linea d’aria tra un’origine ed una destinazione ed il cui spessore rappresenta il valore della domanda di mobilità” (persone o veicoli nell’intervallo orario di riferimento).

Il plugin FlowMapper

Per creare una mappa dei flussi in QGIS basta utilizzare il plugin FlowMapper. Il plugin può essere installato direttamente dal gestore dei plugin di QGIS (in questo esempio ho utilizzati QGIS 2.18). Consiglio anche il download del pacchetto ZIP del plugin nel quale sono contenuti  il PDF della documentazione ed i relativi file dati di esempio.

FlowMapper permette di ottenere uno shapefile delle linee di flusso a partire da una matrice di interazione ed un insieme di coordinate di nodi. I valori delle interazioni (entità dei flussi) tra le coppie di nodi saranno salvate nel campo “magnitude” dello shapefile. In tal modo, sarà possibile realizzare mappe tematiche che evidenziano la distribuzione spaziale del fenomeno mediante linee di spessore e scale cromatiche.

Le informazioni di input necessarie al plugin dovranno essere fornite mediante due file di testo (.txt) con i campi separati da spazio:

  • Il file delle coordinate dei nodi per i quali si vuole ottenere la mappa dei flussi: ogni riga conterrà una coppia di coordinate; utilizzare il punto “.” come separatore dei decimali delle coordinate;
  • il file della matrice di interazione (distribuzione) tra le coppie di nodi: matrice quadrata in cui ogni riga definisce le interazioni (flussi) da un nodo “origine” verso i nodi “destinazione” (colonne) secondo la sequenza dei nodi definito nel file delle coordinate.

Nella pagina che segue vedremo un esempio di utilizzo del plugin FlowMapper per creare una mappa delle linee di desiderio della domanda di mobilità.