Elettrificazione delle banchine contro l’inquinamento nei porti

Introduzione

Indice

[Voti: 2 Media: 5]

Cold Ironing, l’elettrificazione delle banchine portuali, è una delle azioni previste dalle direttive europee per la riduzione dell’inquinamento navale nei porti. Ad oggi, sono ancora molto pochi i porti di tutto il mondo che implementano il cold ironing per alimentare le grandi navi. E in Italia?


L’adozione delle tecnologie Cold ironing (denominate anche Shore Side Electricity, Shore Connection, Shore-to-ship Power, Alternative Maritime Power, Onshore Power Supply, etc,) si inserisce nel quadro delle complesse strategie ambientali finalizzate all’abbattimento delle emissioni inquinanti sia in atmosfera che acustiche. In particolare, l’elettrificazione delle banchine si pone tra le azioni più  efficaci per la soluzione ai problemi di inquinamento causati dall’ormeggio prolungato delle grandi navi come le navi da crociera che stazionano nei porti delle principali mete turistiche.

Vedi il precedente articolo Navi da Crociera – Uno studio sulle emissioni inquinanti in atmosfera.

La Direttiva Europea “sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi”  – DAFI 2014/94/EU – prevede l’installazione entro il 2025 delle forniture elettriche lungo le coste degli Stati membri “quale priorità nei porti della rete centrale della TEN-T”.

La tecnologia cold ironig consiste nel dotare le banchine di un sistema di fornitura elettrica in grado di alimentare tutti i servizi delle navi da crociera durante le loro soste nei porti. Lo spegnimento dei motori ausiliari delle navi durante il periodo di sosta, comporta un efficace abbattimento delle emissioni inquinanti atmosferiche e acustiche, con grandi benefici soprattutto per quelle città i cui porti fanno parte del tessuto urbano.

Schema di banchina elettrificata.
Schema di banchina elettrificata.
Credit:T&D Europe.

Studi sui vantaggi ambientali derivanti dall’impiego delle tecnologie cold ironing mettono in risalto la riduzione delle emissioni in atmosfera di oltre il 30% di anidride carbonica CO2, l’abbattimento dei circa il 90% di SOx, NOx e PM.

In particolare, uno studio [4] sull’adozione del cold ironing in Europa ha mostrato che in 10 ore di sosta di una nave da crociera in una banchina elettrificata, si ottiene una riduzione delle sue emissioni in atmosfera da 72,2 a 50,1 tonnellate di anidride carbonica CO2, da 1,47 a 0,004 tonnellate di ossido di azoto N2O e da 1,23 a 0,04 tonnellate di ossido di zolfo.

Ottenere un inventario aggiornato dei porti con banchine elettrificate non è semplice. Secondo i dati dell’organizzazione World Ports Climate Initiative (WPCI) i porti che implementano le tecnologie Cold Ironing sono soltanto 20 (Ports using OPS – WPCI): 7 negli USA , 1 In Canada e 12 nel Nord Europa.

Porti che utilizzano il Cold Ironing
Porti che utilizzano il Cold Ironing.
Fonte: WPCI

Ad essi si aggiungono un numero, sempre limitato, di porti internazionali nei quali i sistemi di elettrificazione delle banchine sono nelle fasi di studio/valutazione o di realizzazione.

Nella pagina che segue, facciamo il punto sullo stato delle iniziative di elettrificazione delle banchine dei porti italiani.